Wednesday, September 5, 2018

Cosa fare e vedere a Belgrado, Serbia.

Ciao viaggiatori,

sono tornata da una settimana da Belgrado, Serbia - una città piena di scoperte ed infinita bellezza - e così eccovi una guida della magnifica capitale serba che dovreste assolutamente visitare.




Le cose da fare a Belgrado sono tantissime - soprattutto se non vi soffermate a tutto ciò che di turistico c'è. Il modo migliore di vedere la bellezza di Belgrado è viverla da locale e fare tutto ciò che loro farebbero. So che questo è molto difficile da fare perchè esistono pochissime guide non convenzionali online e per questo ho deciso di creare la mia guida che vi racconta Belgrado sotto un'altra prospettiva.

Uno dei primissimi posti che dovreste visitare è assolutamente il Tempio di San Sava. Si tratta sicuramente del punto più turistico della città ed uno dei luoghi che vi attireranno di più una volta scelta Belgrado come vostra prossima meta. Il Tempio è magnifico, al suo interno è pieno di decori dorati di una bellezza disarmante. Attualmente è in costruzione e per questo è possibile visitare solo la parte sotterranea. L'entrata, inoltre è gratuita.



Ciò che non sapete dei serbi è che amano i locali, amano uscire, fare festa stare per strada e godersi la bellezza della loro città. Proprio per questo trovo che siano molto simili a noi. Sanno come godersi la vita e per questo hanno tantissimi locali con cibo buonissimo!




Uno dei locali più belli per i locali è sicuramente questo : Mama Shelter. Si trova al rooftop di un centro commerciale nel centro della città vecchia ed oltre ad avere una location magnifica il cibo e i drinks sono ottimi! Dalla terrazza del Mama Shelter, inoltre, potete vedere la vista di tutta la città. 



Altri locali che non potete perdervi assolutamente sono quelli sul fiume Sava. Tra i dieci migliori bar a Belgrado ci sono questi :
- Jazz Basta
- Podrum Wineart
- Passengers Bar

 e tra i club :
- Shake'n'Shake
- Hot Mess
- Lasta



Ricordatevi che Belgrado è una città piena di night life e di locali, quindi può essere un'ottima opzione anche per chi ama la movida in viaggio!

Ci sono tanti posti da dove potrete vedere questa bellissima città dall'alto ma questo è stato sicuramente uno dei miei preferiti.


Questa è la vista dalla Torre Gardos. E' una vista bellissima. A me personalmente quei tetti rossi con la vista sul fiume e tutto quel verde mi fa impazzire. Mi fa proprio pensare ai Balcani, all'est Europa, a quanto la natura possa essere affascinante in certe aree del mondo.

Un altro da cui si può vedere Belgrado dall'alto è Kalemegdan. Si tratta di un parco sopra una collina. Anche qui troverete tantissimi locali bellissimi tra cui un bar chiamato Boho




Un posto che non potete perdervi a Belgrado è il suo magnifico centro (la città vecchia) : la piazza Repubblica ma soprattutto il quartiere di Skadarlija.




Si tratta di un quartiere con delle strade fatte tutte di pietra con un sacco di ristoranti. Questa zona si trova in pieno centro ed è super colorata, con locali che offrono cibo sia serbo che internazionale e un sacco di gente locale ma anche di turisti!


L'ultima esperienza che vi consiglio di fare a Belgrado è quella di attraversare queste scale che portano dalla città vecchia a Savamala. Savamala è una zona che si affaccia sul fiume Sava ed è anche questa piena di locali. 
E' un'ottima zona per una cena romantica in un locale che si affaccia sul fiume con tutte le luci della nuova Belgrado riflesse. 


Questa è la mia Belgrado.

Una scoperta magnifica.






























Thursday, June 28, 2018

Crescere con un solo genitore.

Ciao a tutti cari lettori,
oggi un post diverso, speciale. Mi andava di cambiare completamente tema e parlare di un argomento privato, ma che ritrae perfettamente una delle tante realtà della nostra realtà : crescere con un solo genitore.
Credo che se non fossi mai cresciuta nella mia piccola ma magnifica famiglia, composta da solo me e mia mamma, non avrei mai avuto probabilmente la possibilità di viaggiare così tanto. Mia mamma è da sempre una grande viaggiatrice. Una di quelle persone dal cuore grande e mille sogni per la testa. Si, la mia mamma è una sognatrice.



Ed è per lei, voi, me, che scrivo questo articolo. Voglio che tutti conoscano questa realtà, voglio che tutti si rendano conto che forza incredibile i genitori delle volte riescono ad avere.
La mia storia familiare inizia ben vent'anni fa. Già,gli anni passano. Mamma ha 35 anni e probabilmente non si aspettava la nascita di una bambina che le avrebbe sconvolto la vita con la sua voglia insaziabile di scoprire e la sua curiosità per tutto ciò che è diverso ai suoi occhi.
Mamma è sempre stata molto forte, sono successe tante cose nel corso degli anni, ma lei non si è arresa. Vent'anni fa mamma scopre di essere incinta, ma dall'altro lato non c'è nessuno che la supporta. Lei ha paura, ma sono in tanti a credere in lei.
In fondo cosa c'è di difficile nel crescere un figlio da soli? - Crescere dei figli da soli è doppiamente difficile. Fa paura all'inizio. Non è facile.
La paura più grande nasce dall'idea stessa di famiglia che abbiamo : due figure. Si, mamma e papà. Due figure fisse, stabili, lì che non si muovono come l'armadio che non usi più e che hai appena messo in soffitta.
Perchè pensiamo che due persone ci possano dare stabilità? La verità è che ci sono genitori che fanno per due. Ci sono genitori lì fuori che conciliano vita sociale, lavorativa e familiare allo stesso tempo, ma spesso non ce ne rendiamo conto. Non ne siamo consapevoli.
E' un tema di cui non si parla tanto, sapete?
Io ho avuto un'infanzia relativamente felice. Probabilmente si, qualche problema psicologico l'ho avuto. Ma sai, a 5 anni quando vedi che tutti hanno un papà a scuola e tu no, ti fai mille domande a cui non sai dare nessuna risposta.



La verità è che il percorso non è facile. Con percorso intendo percorso di accettazione. Si, accettare che qualcuno ti ha abbandonato e ha preferito non averti nella propria vita.
I perchè nella tua testa diventano sempre più grandi. Ma la verità è che non bisogna cercare una risposta.
Il tempo aggiusterà tutto. Ve lo assicuro.
Nonostante io abbia avuto un'infanzia felice, ci sono stati dei momenti davvero tristi che sono stati sempre riempiti dall'amore di nonna, zii, mamma, cugini. La mia famiglia mi ha accolto un po' come l'angelo custode della casa, come quella bambina che aveva bisogno di un'attenzione speciale. Di un amore differente.
Io ne vado fiera. Questo trattamento speciale da prima della classe mi è sempre piaciuto a dire il vero.
Mi piaceva stare al centro dell'attenzione durante i pranzi familiari o le cene di Natale. La mia famiglia mi ha sempre fatta sentire speciale, come se tutto fosse normale.
Infatti tutto è sempre stato normale. O sbaglio?
Crescere con un solo genitore alla fine diventa normale. Diventa la tua quotidianità. La tua roccia a cui aggrapparti.
Mia madre si è sempre fatta in quattro per me. Non mi è mai mancato nulla e di momenti e situazioni differenti ne abbiamo passate. E quante ne abbiamo passate.
La complicità che si crea con un genitore single è una storia di cui parleremo in un altro capitolo. Potrei perdermi in mille dettagli speciali e forse potrei anche iniziare a piangere dall'emozione di una relazione che mi ha cambiato la vita.
Mia mamma è una persona di cui vado fiera. Si, ne vado fiera e tanto. E' così in gamba, così luminosa, radiante, non ama i limiti ma soprattutto è una persona intelligente.
Ha sempre letto tanto e per questo qualsiasi dubbio esistenziale tu abbia, lei avrà una risposta.
Non è brava con le lingue, però. Ho sempre provato ad incoraggiarla ma si limita a sorridere ai miei amici stranieri che ci vengono a trovare a casa e incoraggia loro a praticare l'italiano.
Con mamma ricordo serate estive passate sul letto a parlare di ragazzi che mi piacevano, di come avrei passato la mia estate tra gli Stati Uniti e l'Europa, dei miei sogni e preoccupazioni.
Tanti sono stati i momenti in cui ho avuto paura del mio futuro, delle scelte che avrei intrapreso, ma lei è sempre stata li, anche a chilometri di distanza dall'altra parte del telefono.
Lei ad occhi chiusi sapeva già che avrei avuto successo e che avrei fatto tanto della mia vita.
Lei è fiera di me, e lo è sempre stata. Oggi mi segue dovunque io vada. Viaggiare con me è diventata la sua passione.

Avere un genitore single è qualcosa di speciale. Le famiglie monoparentali sono speciali.









Tuesday, June 19, 2018

15 città europee che dovreste visitare!

Cercate ispirazione per il vostro prossimo viaggio europeo?

Capitali dove dovreste assolutamente andare :



1) Londra - viva, multiculturale, non si ferma mai. Se siete alla ricerca di una cittá grande, dove potete fare qualsisi tipo di esperienza dai musei, ai mille monumenti, ai food markets, è la scelta giusta! Tip : andate a Camden Town!

2) Berlino - è un'esperienza a sé. Se siete amanti della techno o della musica in generale, degli open airs, della gente che balla per strada per qualsiasi ragione, del cibo internazionale, dei mercatini delle pulci, dell'arte moderna o della storia, Berlino vi fará innamorare. Un plus : non è cara! Tip : andate di domenica a Mauerpark - uscirá il vero spirito della gente di Berlino!

3) Lisbona - l'esperienza piú retró, vintage d'Europa. La cittá è mediterranea ma ha un fascino tutto suo. Il ponte 25 d'aprile, i pub e i bar di Barrio Alto e l'oceano! - Lisbona stupisce! Tip : assaggiate i Pasteis de Nata!

4) Kiev - se cercate un'esperienza diversa, confrontarvi con una cultura completamente differente dalla nostra, l'Ucraina è un paese economico e bellissimo. Kiev con le sue chiese ortodosse, i monumenti post dominio russo e il suo non essere ancora turistica sono le ragioni per cui dovreste andare! Plus : super cheap! Tip : quasi nessuno parla inglese quindi imparate qualche parola in ucraino o russo!

5) Roma - è la cittá eterna e se amate l'arte e l'architettura è il posto perfetto. Per non parlare del cibo. Ad una cacio e pepe non si dice mai di no! 🍝 tip : prendete un alloggio in centro e visitatela a piedi!

6)  Dublino : ma quant'è bella Dublino? Con la sua zona di Temple bar con i suoi mille pub irlandesi, le sue universitá, il verde dappertutto e i suoi parchi enormi. Dublino è magnifica. Un plus : Gli irlandesi hanno un accento molto divertente e sono molto ospitali!

7) Parigi : se siete amanti delle cittá frenetiche, del buon cibo e del buon vino, questa è la cittá perfetta. Parigi la definirei un cielo aperto : da qualsiasi parte vi girerete ci sará qualcosa da vedere. Non perdetevi il Louvre e la reggia di Versailles.

8) Bruxelles : piccola ma stupenda. C'è tutto quello che cerchi in una cittá. Bruxelles è un mix di culture che si incontrano, è il punto di ritrovo per tutti gli europei. Il suo centro, il Grand Palais, e vogliamo parlare dell'Atomium dove è stato fatto uno dei primi EXPO del mondo? Un capolavoro. La cittá è anche famosa per la sua night life!

9) Vilnius : anche lei piccola ma molto bella. Cittá di tanti studenti Erasmus. Sembra di essere ritornati indietro nel tempo. Dall'aeroporto di Vilnius che sembra un museo al centro della cittá. Un mix tra est ed ovest. La sera la cittá si muove tantissimo. Consigliato : Gringo pub!

10) Stoccolma - questa è una delle cittá del cuore. Se siete amanti dell'architettura moderna e state cercando il giusto mix tra moderno e antico Stoccolma è la cittá per voi. L'Old Town (Gamla Stan) è piena di casette colorate che potreste ritrovarvi in Italia e fuori dalla zona piú antica, sarete immersi in una cittá scandinava piena di musei e panorami bellissimi. To know : la cittá è molto cara//Mangiare è davvero caro.

11) Oslo - Oslo è la capitale scandinava piú moderna di tutte. È una cittá diversa da tutte - è una sorpresa unica. La sua Opera vi stupirá e fará venir voglia di visitare altre cittá scandinave. To know : cara. Es. Treno dall'aeroporto al centro : 18€.

12)  Copenaghen : Copenaghen è il primo assaggio di Scandinavia. Nyhavn e le sue casette colorate, la sirenetta, il verde dappertutto. Cph vi affascinerá. To know : anche lei molto cara. Tip : assaggiate i dolci scandinavi alla cannella! / Visitate Christiania.

13) Budapest : per un'esperienza un po' retró - perfetta con amici - Budapest è il perfetto mix di bellezza e divertimento. Il parlamento di Budapest, i suoi ponti e la parte alta della cittá vi stupiranno. Plus : ci sono delle terme magnifiche + è economica!

14) Praga : anche lei come Budapest è perfetta per andare in gruppo. Piena di bar e pub. Il suo centro, il muro di John Lennon, gli artisti di strada dappertutto. L'Old Town di Praga sará il vostro posto del cuore.  Plus : la birra è economicissima!

15) Riga : Volete provare qualcosa di completamente differente? Riga è la cittá giusta. Ancora russa ma europea al punto giusto. Piccola ma con un'atmosfera tutta sua. I suoi pub la sera. La cittá tra l'altro sta diventando sempre piú internazionale ed è piena di studenti per le sue universitá. Tip : puó fare molto freddo in inverno quindi copritevi!

Saturday, June 9, 2018

Diventerò assistente di volo! + 8 mesi a Berlino!

Ciao cari lettori!
Rieccomi qui per fare quattro chiacchiere e raccontarvi le ultime news. 
Gli ultimi mesi a Berlino sono stati intensi e pieni di sorprese inaspettate, di cui una (che è la più importante) : diventerò assistente di volo. Il 30 maggio ho avuto un colloquio con Easyjet e dopo quattro giorni ho ricevuto la risposta positiva! Sono alle stelle.



Non vedo l'ora di iniziare e di condividere con voi tutte le mie esperienze in volo! Sono molto felice perchè avrò la possibilità di rimanere a Berlino - sarò infatti basata a Berlino Tegel e quindi rimarrò in città e continuerò a vivere le mie avventure berlinesi!
Oltre a questa magnifica novità - ho trovato stanza a Berlino, nel quartiere di Wedding. Yuppy! 
Ci sono stati momenti in cui ho pensato che non avrei mai trovato una stanza. Sembrava davvero impossibile. Invece ce l'ho fatta!

Nel frattempo ho viaggiato un sacco! Sono stata a Colonia, a Budapest e a Vienna e il prossimo weekend ritornerò a Bruxelles! Non vedo l'ora!


Colonia mi ha davvero sorpresa. Una città piccola ma bella, piena di vita, giovani e tante cose da fare!


A Budapest ci ho rilasciato il cuore. C'ero già stata quattro anni fa e ci sono ritornata lo scorso weekend con Paul. E' stato magnifico, nonostante siamo rimasti solamente un giorno. Budapest rimane sempre magica.

Ho passato un sacco di tempo con i miei amici e ho festeggiato i miei otto mesi a Berlino. Non ci credo! Il tempo passa così velocemente ed è assurdo come ancora ci sono così tanti posti che non ho ancora visitato in questa città magnifica.



E voi invece?
Cos'avete fatto negli ultimi mesi e settimane?
 <3














Wednesday, May 9, 2018

Perchè me ne sono andata all'estero? Ritornerò mai in Italia?

Ciao a tutti ragazzi!
 L'ultima volta che avevo scritto un post è stato circa 2 mesi fa. Ultimamente ho impegnato tutto il mio tempo libero per studiare tedesco e iniziare una nuova passione : quella dei video su Youtube.
Sto cercando di essere più attiva che mai sui social proponendovi delle nuove iniziative e raccontandovi un po' più di me e delle mie avventure all'estero.
Per chi non lo sapesse, vivo all'estero da più di un anno e mezzo. Ho vissuto prima in Spagna e adesso mi trovo a Berlino da ben sette mesi.
Amo questa città e nonostante io non sappia ancora se ho trovato il mio posto nel mondo, penso di aver trovato comunque il posto giusto in questo momento della mia vita - il posto che da tempo stavo aspettando.
Ma perchè me ne sono andata all'estero?
La risposta in realtà non è troppo difficile. Avevo dodici anni quando per la prima volta mi resi conto che l'Italia non era il paese dove volevo vivere per sempre e che la vita era troppo corta per vivere in un solo paese.
Ricordo che realizzai tutto questo durante un viaggio a Londra. Londra mi aveva affascinata, sorpresa. Vedevo persone tra le strade di quella grande metropoli che venivano da tutte le parti del mondo, culture e lingue differenti che si univano. Io volevo vivere così. Volevo vivere di cuore, di pancia. Volevo viaggiare, volevo scoprire, volevo vivere all'estero, imparare dieci lingue, sorridere agli sconosciuti, conoscere, scoprire, imparare da me.
E così, da quel viaggio ho deciso di iniziare a viaggiare da sola e a 15 anni ho avuto l'opportunità di trasferirmi per l'estate a Jacksonville, Florida.
Gli Stati Uniti erano un passo importante. Gli Stati Uniti erano grandi, erano un sogno di possibilità, erano una scoperta, la Florida poi, era un posto che avevo visto solo nei film. E qualche anno dopo io ero lì, si ero dentro un film americano dove ogni giorno prendevo l'autobus giallo che mi portava a scuola.
Viaggiare per me è sognare, ma vivere in posti diversi è vivere. E' vivere la cultura, conoscere la gente locale, crescere.
Oggi mi trovo a Berlino, una grande metropoli che per me è diventata casa. E' incredibile come i posti diventino tuoi col tempo. Eppure Berlino per me non è grande, per me non è una grande metropoli, Berlino non è niente di ciò per me. Berlino è casa, ormai.
Sono sicura che in futuro andrò a vivere in altri paesi, ma tra i miei piani l'Italia non c'è, non perchè io disprezzo il mio paese, ma semplicemente perchè voglio ancora viaggiare e scoprire il mondo.
Sogno di vivere in tantissimi paesi, di rimanere ancora a Berlino per un po', e di vivere una vita internazionale, una vita piena di culture diverse e di nuove scoperte.

E voi perchè avete lasciato il vostro paese?

Monday, January 22, 2018

3 mesi a Berlino. // Come mi preparo per un viaggio?

Ciao a tutti cari lettori!

Oggi volevo scrivere. Ne avevo voglia. In realtà era quasi un bisogno. Non scrivevo da un bel po' di tempo, spesso sapete che scompaio per settimane, ma volevo aggiornarvi, dirvi come vanno le cose a Berlino e parlare di viaggi.

A Berlino procede alla grande, siamo a gennaio e questo è il mio terzo mese in questa magnifica città. Sono soddisfatta, non ancora pienamente, ma lo sono. Sto bene, mi sento libera, mi sento di star dando pian piano un senso ai miei sogni, ai miei piani, ai miei desideri.
Il tedesco è difficile ma ne vale la pena. E giorno dopo giorno lo apprezzo, ci entro dentro. Nella mia testa mi ripeto :"No Giulia, non è difficile. Ce la puoi fare!". So che un giorno diventerà naturale, non so quando arriverà quel giorno, ma mi consolo col fatto che prima o poi arriverà.


A Berlino ho conosciuto tante persone speciali. I rapporti si consolidano sempre di più, settimana dopo settimana, e sono felice perchè sono quei rapporti veri, quelli che desideri di trovare quando ti trasferisci in una nuova città.
Ho trovato delle amiche che amano viaggiare come me, scoprire, imparare nuove lingue e che hanno voglia di buttarsi in ogni situazione che questa città ha da offrire!

Con due tra le mie amiche più care abbiamo programmato un viaggio nella magnifica Bruxelles, che come sapete ho già visitato la scorsa estate durante il mio  Summer Eurotrip, ma è una di quelle città che mi ha fatto innamorare sin dal primo momento e non vedo l'ora di viverla con loro.

Questo anno sarà un anno pieno di viaggi, esperienze diverse, tanti sogni che si realizzeranno.  Sento di star crescendo, di star scoprendo tanto. Berlino è magnifica e mi rendo conto di quanto il destino sia stato meraviglioso con me portandomi fino a qui.


Le luci di questa città mi hanno fatto innamorare. La sua diversità. Ogni quartiere a Berlino è diverso. Berlino non è mai la stessa. Berlino è viva, è magica e io ne sono dentro, ne faccio parte. Spesso non ci credo ancora. 

Dieci giorni fa ho fatto una scappata a Roma. Magnifica come sempre! Amo Roma, in una maniera diversa rispetto a Berlino. Ma la amo. Roma è eterna, è buon cibo, bella gente, storia, arte, cultura. E' stata la mia settima volta lì ed ero contentissima. 


Ho in programma già dei viaggi per quest'anno. A febbraio andrò a Bologna per un weekend e a maggio a Colonia. Sto programmando di tornare anche a casa in Sicilia per Pasqua e poi ho in mente tanti altri posti in Europa che non ho ancora visto e vorrei vedere durante dei fine settimana!

Tra tutti questi aggiornamenti - volevo parlarvi di come mi preparo per un viaggio.
Sicuramente per me partire è un evento. E' un evento enorme anche se devo partire per un weekend. I preparativi per un viaggio non mi fanno impazzire - devo essere sincera. Fare la valigia ormai è diventato qualcosa di meccanico che so fare a memoria e ormai conosco tutti i trucchi per far entrare tutto ciò di cui ho bisogno in un bagaglio a mano - anche per stare via per un mese.

Non pianifico. Questa è una delle caratteristiche principali di quando viaggio. Non amo pianificare, ma quello che mi piace fare è prendere nota dei posti che mi interessano di più e una volta arrivata nella città che visiterò, vado in tutti i punti di interesse che mi ero segnata prima della partenza.
Spesso mi faccio consigliare da amici o altri viaggiatori che conosco, dei ristoranti dove mangiare cibo locale o posti che solo i locali conoscono e che valgono la pena per respirare la vera aria di quella città!

Porto l'essenziale. Non mi piace partire piena di cose inutili. Porto solo quello che effettivamente utilizzerò e cerco di essere il più organizzata possibile sotto questo punto di vista!

Se vado in un posto dove so di non poter comunicare in una delle lingue che conosco, imparo delle frasi chiave per poter comunicare. Amo imparare delle parole / frasi per poter comunicare con la gente del posto. In realtà, amo conoscere gente del posto che può raccontarmi un po' della città e rendere così il mio soggiorno ancora più speciale!

Mi preparo ad essere pronta a tutto : vivo con la filosofia che tutto può succedere quindi ogni occasione che mi succede la prendo al volo o se è negativa, la evito come farei nella vita normale!

Insomma, viaggio perchè amo farlo, perchè mi fa sentire viva.

E voi come vi preparate per un nuovo viaggio?

Stay tuned 
<3






Wednesday, December 27, 2017

B e r l i n // I miei primi 2 mesi a Berlino! // Perchè ti sei trasferita in Germania?





Ciao a tutti cari lettori! Oggi voglio raccontarvi in questo nuovo post dei miei primi due mesi nella mia amata Berlino. 
Sono sicura che in tanti vi sarete chiesti il perchè io mi trovi qui e cosa io stia facendo in questo momento ed oggi ve ne parlerò. 

<3




In realtà, sapevo in qualche modo che Berlino sarebbe diventata la mia città prima o poi - l'unica cosa è che non sapevo era quando lo sarebbe divenuta ed oggi sono felice di poter far parte di questa città magnifica che giorno dopo giorno mi fa innamorare sempre di più.
La ragioni per cui mi sono trasferita a Berlino sono state tante, ma la principale è stato un momento difficile che stavo vivendo.
Tutti voi sapete che avevo iniziato l'università, ma dopo qualche mese, mi resi conto che ciò che stavo studiando non era ciò che volevo davvero. Ho iniziato così a vivere un periodo di crisi, di difficoltà in cui ricordo solamente lunghi pianti e indecisione totale.
Non ero mai passata per un momento del genere, ma dentro sapevo che quello che stavo facendo non era la cosa giusta. Non ero nel posto giusto, non stavo facendo ciò che mi piaceva fare. Non entrerò nel dettaglio in questo post, nè racconterò perchè ciò che avevo iniziato non faceva per me, ma credo che queste però siano delle motivazioni sufficienti per lasciare ciò che non ci piace fare.
Quando la tua vita va per una piega che non ti piace, devi cambiarla. Almeno io, ho imparato che bisogna fare così. E ne sono felice.

La decisione di trasferirmi in Germania non è stata facile. Purtroppo in un momento del genere dove hai appena iniziato una nuova vita, affittato un appartamento e pagato le tasse universitarie, iniziare da un giorno all'altro una nuova vita non è stato così facile. Le indecisioni, le incertezze erano tante. E ammetto che solo col tempo, anch'io sto meglio, sento di star dando un senso alla mia vita.

Ma perchè proprio la Germania?  - La Germania per tante ragioni. Ma la principale è il tedesco. All'università avevo iniziato a studiare tedesco ed era l'unica cosa che mi aveva affascinato del corso e così ho deciso di trasferirmi in un paese di lingua tedesca. Le città in cui avevo pensato di andare erano : Berlino, Monaco di Baviera e Vienna ma alla fine ha vinto la prima.


Oggi sono a Berlino da poco più di due mesi. Sto studiando tedesco e sto lavorando come au pair e nel frattempo continuo con il mio lavoro online di tutor di italiano a stranieri. Ho tanti progetti per il futuro che vi svelerò col tempo e sono davvero soddisfatta!
Sono felice di aver deciso di fare quest'esperienza. Sto crescendo, imparando e questa città mi sta dando più di quanto mi aspettassi.

Non so se Berlino è la mia città - questo non lo ancora - ma so che questo è il posto dove dovrei stare adesso. E questa è un'occasione che sono soddisfatta di aver colto.

Oggi scrivo questo post per raccontarvi tutto. So che molte persone non apprezzeranno le mie scelte, ma io ho deciso di scrivere tutto questo per dirvi : se non vi piace ciò che state vivendo, se non siete soddisfatti della vostra vita, cambiatela! Lì fuori ci sono mille opportunità che stanno aspettando di essere colte da qualcuno! 



Solo così, potrete cambiare anche voi stessi.

<3